10-01-2015 – Sabatini bis, nuove agevolazioni per gli acquisti di beni aziendali

Adeguamento per la Sabatini bis. Il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato una circolare (la n. 71299 del 24 dicembre 2014) contenente integrazioni e specificazioni alle disposizioni attuative dell’intervento, necessarie ai fini dell’adeguamento ai nuovi regolamenti comunitari di esenzione n. 651/2014 e n. 702/2014. Tra le novità più importanti spicca la possibilità di presentare domande anche per le imprese estere, con sede in uno stato membro dell’Unione europea e che non hanno una sede operativa in Italia. Le nuove disposizioni sono applicate dal 1° gennaio 2015 ad eccezione del settore della pesca, per il quale il nuovo regolamento di esenzione non è stato ancora adottato. La nuova Sabatini consente a micro, piccole e medie imprese l’accesso a finanziamenti agevolati per l’acquisto di beni strumentali aziendali. Presso Cassa Depositi e Prestiti, è stato costituito un fondo da 2,5 miliardi di euro incrementabile fino a 5 miliardi. Il contributo è erogato per la realizzazione di investimenti, anche mediante operazioni di leasing finanziario, per l’acquisto di macchinari, impianti, attrezzature, beni strumentali di impresa nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché per gli investimenti in hardware, in software ed in tecnologie digitali. Gli interventi devono essere funzionali: alla creazione di una nuova attività produttiva; all’ampliamento di una unità produttiva esistente; alla diversificazione della produzione in uno stabilimento; al cambiamento fondamentale del processo di produzione in uno stabilimento esistente. Ogni operazione deve essere avviata soltanto dopo la presentazione della domanda di accesso al contributo. A fronte di finanziamenti concessi da istituti bancari ovvero altri intermediari, purché convenzionati col Ministero dello Sviluppo Economico, è concesso un contributo pari all’ammontare degli interessi calcolati in via convenzionale su un finanziamento al tasso d’interesse del 2,75%. I finanziamenti devono avere durata quinquennale per importi non inferiori ad € 20.000 e non superiori ad € 2.000.000. La concessione dei finanziamenti può essere assistita anche dalle garanzie del Fondo di Garanzia per le PMI, nei limiti dell’80% dell’ammontare del finanziamento. La nuova circolare aggiorna inoltre le modalità di erogazione del contributo. Le richieste di erogazione devono essere compilate esclusivamente in formato digitale, utilizzando la procedura informatica disponibile al sito https://benistrumentali.incentivialleimprese.gov.it/Imprese. Dal 1° gennaio 2015 dovrà essere utilizzata la nuova modulistica aggiornata al 24 dicembre 2014, disponibile nella sezione del sito del MISE http://www.mise.gov.it/index.php/it/incentivi/impresa/beni-strumentali-nuova-sabatini). Da tale data, non essendo ancora stato adottato il regolamento comunitario relativo al settore della produzione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti della pesca, la presentazione delle domande da parte di piccole e medie imprese attive in questo settore è sospesa.