09/12/2016 – Enti no profit, un bando di Fondazione con Il Sud per la gestione di beni confiscati

Far rivivere i beni confiscati alle mafie. È questo l’obiettivo del bando della Fondazione con il Sud, in collaborazione con la Fondazione Peppino Vismara, che ha aperto la raccolta di proposte e progetti. La terza edizione del bando, dal nome “Beni confiscati”, ha come obiettivo quello di sostenere nuovi progetti per l’avvio di nuove attività economiche o per il rafforzamento di attività già esistenti su beni confiscati alla criminalità organizzata ed è rivolta a partnership composte da tre o più soggetti di cui almeno uno deve appartenere al terzo settore o al mondo del volontariato, che dimostrino la piena disponibilità del bene confiscato per almeno 10 anni. Nei progetti potranno essere coinvolti, inoltre, il mondo economico – e a particolari condizioni anche le imprese, quello delle istituzioni, delle università e della ricerca. Queste le aree coinvolte: Avellino, Bari, Barletta-Andria-Trani, Benevento, Brindisi, Cagliari, Caltanissetta, Carbonia-Iglesias, Caserta, Catania, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Enna, Foggia, Lecce, Napoli, Nuoro, Ogliastra, Olbia-Tempio, Oristano, Palermo, Ragusa, Reggio Calabria, Salerno, Sassari, Siracusa, Taranto, Trapani, Vibo Valentia, Agrigento, Medio Campidano, Matera, Potenza. Lo stanziamento complessivo è di 7 milioni di euro. I progetti devono essere presentati entro il 15 febbraio 2017 esclusivamente in modalità telematica attraverso il sito: www.fondazioneconilsud.it.