09/04/2015 – Microcredito: il testo del decreto MISE per accesso a Fondo Garanzia PMI

Il 1 aprile 2015 è stata pubblicata sul portale del Ministro dello Sviluppo Economico la versione definitiva del Decreto con cui viene data operatività alle misure previste per il Fondo di Garanzia per le Pmi in relazione alle operazioni di Microcredito. Quando il Decreto Ministeriale sarà effettivamente operativo (dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale) gli interessati dovranno presentare una specifica domanda telematica sul sito internet www.fondidigaranzia.it dove sarà inoltrata una richiesta per accedere ai fondi. Con tale richiesta non si prenota il prestito vero e proprio ma la garanzia sul prestito (fino alla misura massima dell’80% dell’importo del prestito stesso) per il quale il piccolo imprenditore o il titolare di Partita IVA non deve presentare alcun garanzia aggiuntiva. Entro 5 giorni dalla prenotazione della garanzia, l’interessato al finanziamento dovrà presentare il proprio progetto (come intende spendere i soldi ottenuti) a una banca o a una finanziaria che costituiscono in soggetto che opera il microcredito, ossia che concede il prestito. L’istituto di credito o la finanziaria sono tenuti a chiudere la pratica di prestito entro 60 giorni dalla presentazione del progetto e non dovranno chiedere alcuna garanzia al richiedente, dal momento che è lo stesso fondo dello Sviluppo Economico a offrire la garanzia utile a coprire la parte più consistente del prestito. Le risorse destinate al microcredito sono pari a 30 milioni di euro, stanziati dal Mise, a cui si aggiungono versamenti volontari, tra cui quelli dei parlamentari del gruppo del Movimento 5Stelle (che ammontano a circa 10 milioni). Ogni singolo finanziamento può durare per un massimo di 7 anni. Il piano di ammortamento può prevedere il pagamento di rate trimestrali. I tassi di interesse sono negoziati dall’istituto di credito erogatore. Il fondo finanzia operazioni fino 35 mila euro per l’acquisto di beni o servizi strumentali all’attività, retribuzione di nuovi dipendenti e corsi di formazione.