29/02/2016 – Fondo Selfiemployment, finanziamenti agli under 29 che vogliono fare impresa

Al via Selfiemployment, il fondo per la concessione di finanziamenti a tasso zero ai giovani under 29 che vogliono fare impresa. Promosso dal Ministero del Lavoro e gestito da Invitalia – con una dotazione iniziale di 114,6 milioni di euro – il fondo rotativo nazionale SELFIEmployment mira alla promozione delle iniziative di autoimpiego e autoimprenditorialità attraverso il credito agevolato per gli iscritti al programma Garanzia Giovani. È possibile presentare la domanda dal 1 marzo 2016 esclusivamente online, attraverso la piattaforma informatica di Invitalia. E’ rivolto ai Giovani fino a 29 anni, iscritti al programma Garanzia Giovani (Neet). I giovani possono avviare iniziative in diverse forme: Imprese individuali, società di persone, società cooperative composte da un massimo di 9 soci. Sono ammesse le società: costituite da non più di 12 mesi rispetto alla data di presentazione della domanda, purché inattive, e non ancora costituite, a condizione che vengano costituite entro 60 giorni dall’eventuale ammissione alle agevolazioni; Associazioni professionali e società tra professionisti costituite da non più di 12 mesi rispetto alla data di presentazione della domanda, purché inattive. SELFIEmployment è valido in tutta Italia e finanzia, nel rispetto del regolamento de minimis, progetti che prevedono spese per almeno 5.000 euro, fino a un massimo di 50.000 euro. Possono essere finanziate iniziative in tutti i settori della produzione di beni, fornitura di servizi e commercio, anche in forma di franchising. I finanziamenti sono: a tasso zero; coprono fino al 100% delle spese; non richiedono garanzie personali e devono essere restituiti in 7 anni. Chi ottiene le agevolazioni deve impegnarsi a realizzare gli investimenti entro 18 mesi dal perfezionamento del provvedimento di ammissione. Invitalia valuta le domande, concede gli incentivi e verifica l’effettiva realizzazione dei progetti finanziati. Offre inoltre un servizio di tutoraggio. Le domande vengono valutate in base all’ordine cronologico di presentazione, fino ad esaurimento dei fondi. Non ci sono pertanto scadenze o graduatorie.