29/02/2016 – Regione Campania, ulteriore stanziamento per i lavori occasionali presso gli enti pubblici

La Regione Campania ha deliberato un ulteriore stanziamento di 9 milioni e 500 mila euro per finanziare lavoro occasionale accessorio (Loa) a favore di enti pubblici della Campania. La platea dei beneficiari è stata ampliata anche a quei lavoratori che sono stati percettori di ammortizzatori sociali in deroga nell’anno 2015 e che al primo gennaio 2016 non siano più percettori di alcun sostegno al reddito. L’azione – rivolta a tutte le amministrazioni pubbliche, nonché a istituti e scuole di ogni ordine e grado, istituzioni educative, Province, Comuni, Comunità montane, istituzioni universitarie, Istituti autonomi case popolari, Camere di commercio, aziende ed enti del Servizio sanitario nazionale, Aran – è finanziata dai fondi del Piano di Azione e Coesione (Pac). L’intervento riveste una duplice finalità: oltre a sostenere soggetti in situazioni di disagio economico dipendenti dalla crisi occupazionale, permette agli enti pubblici di impiegare temporaneamente sul territorio regionale, risorse lavoro altrimenti inattive, in lavori occasionali di pubblica utilità, che non determinano aspettative di accesso agevolato nella pubblica amministrazione, attivabili con procedure semplificate di affidamento nel rispetto dei vincoli previsti dalla normativa vigente in materia. La procedura sarà condotta a sportello, vale a dire che le relative istruttorie saranno effettuate nell’ordine di presentazione dei progetti e fino ad esaurimento delle risorse. I buoni lavoro finanziabili agli Enti pubblici non possono superare nel corso di un anno solare l’importo di € 3.000 per singolo prestatore d’opera. I compensi complessivamente finanziabili per singolo prestatore, dalla totalità dei committenti, non possono superare nel corso di un anno solare l’importo di € 5.000 netti.