29/02/2016 – Sistema duale in apprendistato: al via la sperimentazione

Al via la sperimentazione del Sistema duale in apprendistato, uno degli strumenti attuativi del Jobs Act pensato per promuovere la formazione dei giovani finalizzata al loro ingresso nel mondo del lavoro. Lo scorso 13 gennaio il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha presentato, infatti, i protocolli d’intesa sottoscritti con gli Assessori Regionali alla formazione con cui si inaugura “Via italiana al sistema duale”, il programma che sperimenta un percorso di alternanza scuola-lavoro. Il programma servirà a rilanciare i contratti di apprendistato di primo e terzo livello, rafforzando il collegamento fra il mondo della scuola e quello del lavoro. E dal 28 gennaio è online all’indirizzo www.sistemaduale.lavoro.gov.it, la nuova sezione che il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali dedica a tale sperimentazione. Il sistema duale intende favorire l’occupabilità giovanile, promuovendo l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, nonché contrastare la dispersione scolastica. L’altro scopo prioritario è colmare quello che viene definito dagli esperti lo skills gap, ovvero la mancanza di competenze legate alle esperienze nei contesti professionali e lavorativi che completano la formazione di base degli studenti, riconducibili alla categoria delle cosiddette soft skills. La sperimentazione è rivolta a tutti i giovani che hanno assolto l’obbligo scolastico e intendono proseguire il loro percorso formativo iscrivendosi ai corsi di istruzione e formazione professionale (IeFP) optando per un sistema duale di formazione, ossia una formazione organicamente raccordata con una esperienza lavorativa, anche attraverso il contratto di apprendistato. Saranno circa 60 mila i giovani che, nell’arco del biennio di sperimentazione, potranno conseguire i titoli di studio (relativi solo ed esclusivamente alla IeFP) con percorsi formativi che prevedono, attraverso modalità diverse, una effettiva alternanza scuola-lavoro. L’apprendimento in impresa potrà avvenire tramite un contratto di apprendistato di primo livello, oppure, si realizzerà attraverso l’introduzione dell’alternanza “rafforzata” di 400 ore annue, a partire dal secondo anno del percorso di istruzione e formazione professionale. I giovani, inoltre, potranno contare sul supporto e sulla consulenza dei Centri di formazione professionale coinvolti nella sperimentazione, che saranno complessivamente 300. Il sito www.sistemaduale.lavoro.gov.it – creato al fine di informare sia i giovani che le loro famiglie sul sistema duale e sulle tematiche ad esso connesse – illustra i punti essenziali suddivisi in sei macroaree: Formazione professionale; Alternanza scuola-lavoro; Impresa simulata; Apprendistato; Il sistema duale; La sperimentazione. All’interno del sito i ragazzi potranno compilare un form con i propri dati per ricevere gli aggiornamenti sui centri di formazione professionale, sui corsi attivati sul territorio nazionale e su tutte le novità relative al sistema duale.